Come motivare: dare valore ai compiti

Sembra scontato che un genitore dia valore ai compiti, ma non è proprio sempre così.  Spesso infatti i/le ragazzi/e chiedono: “a che serve studiare?”, e la domanda non trova ogni volta risposte soddisfacenti.

Come abbiamo visto nel post precedente, il senso di inutilità dei compiti può derivare da un senso di incapacità che si sperimenta nell’eseguirlo. Questa equazione però non è mai così evidente, né per gli/le studenti, né per i loro genitori.

Pensiamo ad esempio a quanto preferivamo certe materie piuttosto che altre. Riflettiamo allora anche su quanto il nostro senso di inefficacia in una determinata materia abbia influenzato la nostra tendenza a dedicarle meno tempo, cosa che poi inevitabilmente ha portato a una competenza ancora inferiore, creando così un circolo vizioso.

Questo non sentirsi capaci però può essere in parte derivato da convinzioni di valore nei confronti delle varie discipline vissute dai/dalle ragazzi/e e a volte influenzate dai genitori stessi. Un esempio di questo è stato studiato da alcuni studiosi dell’università del Wisconsin.
Harackiewicz, Rozek, Hulleman e Hyde (2012) hanno infatti osservato come le ragazze fossero meno inclini a scegliere corsi come ingegneria, scienze, matematica, tecnologia, spesso per motivi legati a stereotipi di genere e in generale per pensieri legati a mancanza di fiducia nelle proprie capacità, e generici “non sono tagliata per…”.
In questa ricerca sono stati coinvolti i genitori ai quali sono state fornite informazioni e un training specifico su web con lo scopo di approfondire l’importanza di materie scientifiche e tecnologiche come quelle sopra menzionate. A questa esperienza di attribuzione di valore doveva seguire in modo spontaneo da parte dei genitori stessi una discussione con i/le figli/e.
È stato osservato come dopo alcune settimane nelle quali le aspettative e il valore positivi relativi alle materie oggetto di approfondimento sono stati trasmessi alle loro figlie, si è visto un incremento significativo di iscrizioni a corsi scientifici e tecnologici.

Questa ricerca evidenzia come l’attribuire valore da parte dei genitori alle materie ritenute più difficili e/o rifiutate può davvero aiutare i/le ragazzi/e a capirne il senso e l’importanza, e dunque a modificarne atteggiamenti e comportamenti nei loro confronti.

Aiutare a dare valore ai compiti passa perciò anche attraverso una presa di consapevolezza da parte dei genitori, che implica a volte investimento personale, approfondimento.

Girl-writing-on-board-in--007

_________________
Harackiewicz, J. M., Rozek, C. S., Hulleman, C. S., & Hyde, J. S. (2012). Helping parents to motivate adolescents in mathematics and science an experimental test of a utility-value intervention. Psychological Science, 0956797611435530.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...